IL CORTEN | La nostra idea - TrackDesign

icon

Idea

icon
icon

Corten

icon
icon

Officina

icon
icon

corte-idea-arredamento

L’idea è nata dall’incubatore Track Project, un centro di ricerca e uno spazio dove vengono condivise risorse e competenze che danno vita a nuovi sistemi produttivi sostenibili e consapevoli.

TrackDesign è un talent scout sempre alla ricerca di giovani designer che vogliono trasformare le loro idee in oggetti reali.

Dietro ogni produzione vi è un filo diretto tra designer e industria, tra progetto e oggetto.

Designer, architetti e creativi uniti dall’amore per questo acciaio dalla “ruggine fascinosa”, progettano oggetti per l'indoor e per l’outdoor. TrackDesign li seleziona e li produce per arricchire la piattaforma online di pezzi unici in corten.

Il corten

Il patinato degli acciai.

Cor+Ten per abbreviare le iniziali dei termini inglesi CORrosion resistance (resistenza alla corrosione) e TENsile strength (resistenza alla trazione). Brevettato da un’azienda americana nel 1933 e apprezzato per l’elevata prestazione meccanica e strutturale, il corten ha conquistato i più grandi artisti, architetti e designer del mondo.

Prediletto per la realizzazione di audaci opere che sembrano lontane dal tempo e che assicurano un’inossidabile bellezza. Originale per la sua tipica e irregolare colorazione “ruggine” e per il suo mutevole aspetto.

Grazie al naturale processo di ossidazione, il corten produce una patina superficiale che gli permette di resistere agli attacchi atmosferici. Così, quest’acciaio si autoprotegge e diventa impassibile alla corrosione.

Nel periodo di ossidazione il metallo rilascia la polvere di ossidi che smette di prodursi con il tempo. Gli ossidi patinano la superficie rendendola porosa e irregolare, ruvida al tatto e “croccante” alla vista.

Durante la passivazione si apprezza la sfaccettata colorazione del materiale. L’intenso e vivace rosso ruggine muta fino a raggiungere una più bruna e calda tonalità.

Una volta stabilizzato il corten è pronto per vincere la sfida contro il tempo.

corten-finiture-arredamento

L’idea è nata dall’incubatore Track Project, un centro di ricerca e uno spazio dove vengono condivise risorse e competenze che danno vita a nuovi sistemi produttivi sostenibili e consapevoli.

TrackDesign è un talent scout sempre alla ricerca di giovani designer che vogliono trasformare le loro idee in oggetti reali.

Dietro ogni produzione vi è un filo diretto tra designer e industria, tra progetto e oggetto.

Designer, architetti e creativi uniti dall’amore per questo acciaio dalla “ruggine fascinosa”, progettano oggetti per l'indoor e per l’outdoor. Track Design li seleziona e li produce per arricchire la piattaforma online di pezzi unici in corten.

Il corten

Il patinato della famiglia degli acciai.

Cor+Ten per abbreviare le iniziali dei termini inglesi CORrosion resistance (resistenza alla corrosione) e TENsile strength (resistenza alla trazione). Brevettato da un’azienda americana nel 1933 e apprezzato per l’elevata prestazione meccanica e strutturale, il corten ha conquistato i più grandi artisti, architetti e designer del mondo.

Prediletto per la realizzazione di audaci opere che sembrano lontane dal tempo e che assicurano un’inossidabile bellezza. Originale per la sua tipica e irregolare colorazione “ruggine” e per il suo mutevole aspetto.

Grazie al naturale processo di ossidazione, il corten produce una patina superficiale che gli permette di resistere agli attacchi atmosferici. Così, quest’acciaio si autoprotegge e diventa impassibile alla corrosione.

Nel periodo di ossidazione il metallo rilascia la polvere di ossidi che smette di prodursi con il tempo. Gli ossidi patinano la superficie rendendola porosa e irregolare, ruvida al tatto e “croccante” alla vista.

Durante la passivazione si apprezza la sfaccettata colorazione del materiale. L’intenso e vivace rosso ruggine muta fino a raggiungere una più bruna e calda tonalità.

Una volta stabilizzato il corten è pronto per vincere la sfida contro il tempo.

design-corten-industriale

Contattaci



navigation